sabato 31 Ottobre 2020
Breaking News
Home > Bclnews > JERSEY 2010

JERSEY 2010

Il ponte festivo del 2 giugno 2005 fu trascorso sull’ Isola di Guernsey, uno delle due isole maggiori delle Channel Islands, il paradiso fiscale britannico al largo delle coste francesi della Bretagna. All’ epoca la scelta fra Guernsey e Jersey, l’altra isola maggiore dell’ arcipelago fu, molto semplicemente, dovuta al fatto che in Guernsey c’erano due emittenti radiofoniche ed in Jersey una sola. Oggi Jersey ha pareggiato il conto, anch’essa ospitata due emittenti radiofoniche e quindi era giunto il momento di visitarla completando cosi il tour delle Channel Islands.

 

A dire il vero in questo 2010 di ponti festivi non ce ne sarebbero stati: il 25 aprile è caduto di domenica, il 1 maggio di sabato ed il 2 giugno di mercoledì ma, dato che non sono stato condannato ai lavori forzati, il ponte festivo me lo son creato da solo prendendomi due giorni di ferie giovedì 3 e venerdi 4 giugno.

 

E cosi, alle 20.45 di martedì 1 giugno salivo sul treno che collega Vercelli con Milano Centrale ove arrivavo alle 22.10. 25 minuti di ritardo grazie ad una quarantina di squatter che dopo essere saliti a Torino ed aver trasformato in un porcile il vagone ove si erano accampati, pretendevano anche, in base a non si sa quale principio, di viaggiare gratis cosi che a Novara è dovuta intervenire la Polizia Ferroviaria a sbatterli giù a calci in culo fra l’ approvazione generale della folla, me compreso, che invece il biglietto l’ aveva regolarmente pagato. Una breve sosta in stazione e poi alle 23.35 la partenza, col solito treno notturno, a destinazione di Parigi. Alle 08.45 di mercoledì 2 giugno ero, con oltre mezzora di ritardo, ma questa volta senza interventi della polizia, alla ormai consueta Gare de Bercy. Subito in metrò per raggiungere la Gare di Montparnasse e li depositare i bagagli e poi di nuovo in metrò per dare inizio ad un piccolo tour delle radio parigine a ricerca di nuovi adesivi.

 

La prima uscita dal metrò avveniva alla stazione di Place de la Bastille in quanto nelle sue immediate vicinanze hanno sede ben 5 emittenti radiofoniche: Oui FM, Radio Nova, TSF, Radio Africa 1 e Radio Campus. Iniziavo da Oui FM, emittente di musica dance attiva sui 102.3 MHz. Avevo già visitato numerose volte la sua reception e quasi mai ero rimasto a mani vuote. Anche questa volta era cosi; un paio di nuovi adesivi, che il receptionista era un po’ restio a darmi in quanto di un programma ormai non più in onda, erano i primi da me raccolti durante questo nuovo viaggio. Uscito da Oui FM raggiungevo, a piedi, un’ emittente mai prima d’ora visitata: Radio Campus Paris, la stazione radio degli studenti parigini attiva 24 ore al giorno come web radio e per 12 ore al giorno, dalle 05.30 alle 17.30, in FM su 93.9 MHz ( nelle restanti ore sulla stessa frequenza opera Vivre FM l’emittente dell’ associazione dei diversamente abili parigini ). La stazione è ospitata nell’ edificio sede dell’ Unione degli Studenti. Entrati si trova una reception ove di adesivi non ne hanno ma senza problemi lasciano raggiungere il primo piano ove vi sono le installazioni della radio. L’ unica persona presente al momento del mio arrivo, molto gentilmente, si poneva alla ricerca degli autocollants ma i suoi sforzi erano vani fin che non entrava l’ addetta alle pulizie che gli diceva che gli adesivi, se ancora ce ne erano, erano in quel cassetto di quella scrivania. C’ erano davvero!!!! Due esemplari di due diverse varietà. Grazie signora!!!! Ero cosi riuscito a farmi gli adesivi di una radio di cui non avevo, prima di allora, assolutamente nulla!! Uscito da Radio Campus riprendevo la metropolitana e con la linea 8 raggiungevo la libreria sede legale di Radio Libertarie, l’emittente della Federazione Anarchica Francese operante su 89.4 MHz. Purtroppo le saracinesche erano abbassate. Terminato con gli anarchici passavo alle puttane !!!!! Raggiungevo infatti, sempre con la linea 8, l’ unica sede di Chante France 90.9 MHz e Skyrock, il network nazionale di musica rock attivo in Parigi su 96.0 MHz, situata nel quartiere a luce rosse, quello vero, non Pigalle, quello ove 24 ore al giorno almeno una quarantina di battone si guadagnano da vivere. Per la prima volta, dopo molte visite tutte positive, restavo a mani vuote. Era quasi mezzogiorno e quindi mi trasferivo alla mia solita brasserie posta in fronte alla sede di Eutelsat ove, alla solita abbuffata, volevo abbinare il solito distacco della pagine dedicate alle emittenti radiofoniche e televisive dal librone delle pagine gialle parigine, custodito nell’ antibagno della toilette. Purtroppo scoprivo che c’era stato un cambio di gestione e le Pagine Gialle più non stavano al loro solito posto. Mi sa che d’ora in poi cambierò brasserie!!!!

Dopo pranzo si riprendeva a lavorare raggiungendo con la linea 8 dapprima e la 5 poi, l’unica sede di 4 dei più importanti network nazionali francesi: NRJ, Cherie FM, Radio Nostalgie e Rire et Chansons attivi in Parigi rispettivamente su 100.3 MHz, 91.3 Mhz, 90.4 Mhz e 97.4 MHz. Altro buco: ormai a NRJ è da troppi anni che non ottengo più nulla. Mi sa che dovrò cancellarla dai futuri tours parigini.

Era finalmente giunto il momento di raggiungere, con le linee 9 e 10 i Champs Elysee per andare alle sedi di Fun Radio, RTL e RTL2, altri tre importantissimi network nazionali operanti in Parigi su 101.9 Mhz, 93.2 Mhz e 105.9 MHz e uno, la storica RTL, Radio Tele Luxembourg, ricevibile anche in Italia sull’ onda lunga di 234 KHz. Quarto buco consecutivo del giorno: la reception di Fun Radio si è unificata a quelle di RTL e quindi rinunciavo ad avere a che fare con i gorilla cerebrolesi che normalmente presidiano l’ ingresso impedendone l’ accesso a chiunque voglia raggiungere la reception senza un previo appuntamento, appuntamento che per altro è impossibile da ottenere. Quello che non riesco a capire di questa loro fobia è il perché un terrorista serio dovrebbe perdere il suo tempo, e forse la sua vita, per attentare ad un emittente puramente commerciale quale l’ attuale RTL ( finiti i bei tempi storici dei 1439 KHz dal Lussemburgo ).

A questo punto riprovavo con Libertarie: la libreria era aperta e gli unici due esemplari di una nuova varietà finivano nella mia borsa per la gioia, oltre che mia, di Dario Monferini.

Il tour radiofonico di Parigi era quasi terminato, ma c’era ancora il tempo per tornare a Place de la Bastille e recarmi alla sede di TSF, Radio Nova e Africa 1.

Avevo una e-mail di invito a firma di Etienne Geremia, assistente della programmazione che ben gentilmente mi intratteneva per una mezz’oretta a parlarmi di TSF, emittente di sola musica jazz che emette in tutta la Francia. Un tipo di radio assolutamente impensabile in Italia ove domina solo la musica commerciale. Anche Radio Nova si sta man mano trasformando da stazione locale a network nazionale con ormai più di una ventina di trasmettitori dislocati in tutto il paese. Mi era permesso di fotografare gli studi e venivo omaggiato di vari adesivi sia di TSF che di Radio Nova.

Terminata la visita mi recavo in un Internet Point posto proprio in fronte e poi tornavo alla Gare de Montparnasse a ritirare i bagagli e alle ore 18.35 partivo in TGV a destinazione di Rennes ove arrivavo alle 20.50. La brevissima passeggiata fino all’ hotel ( posto proprio a fianco della stazione ) chiudeva questa prima intensa giornata.

 

Giovedì 3 giugno la sveglia suonava alle 8. Colazione e subito raggiungevo la sede di France Bleu Armorique, l’emittente regionale di Radio France per la regione di Rennes operante su 103.1 MHz ove grazie alla gentilissima receptionista riuscivo a raccogliere un po’ di adesivi ed altro materiale pubblicitario. Sempre gentilissime le varie France Bleu. A quel punto iniziavo a fare anche il turista con una passeggiata nel caratteristico centro storico del capoluogo bretone e con una visita alla Cattedrale di Saint Pierre. Alle 11.00 a Radio Rennes, una delle numerose emittenti private della città ascoltabile sui 100.8 MHz, ove avevo un “ rendez-vous “ con Mons. Gabriel Aubert direttore della programmazione. Anche lui gentilissimo mi spiegava che l’ emittente è una stazione comunitaria non commerciale e quindi senza proventi pubblicitari che opera al servizio di Rennes da ormai 29 anni grazie a finanziamenti comunali e regionali. Il fatto di non necessitare di pubblicità fà si che oltre a dedicare grandi spazi alla cultura e all’ informazione locale possano dedicarsi anche a generi musicali, se non proprio di elite, per lo meno non necessariamente

“ easy listening “ quali il jazz o il soul. Anche a Radio Rennes, visita studi, fotografie e un po’ di adesivi. Congedatomi da Mons. Aubert augurando a lui e a Radio Rennes ogni bene per l’ importante lavoro svolto, tornavo in albergo a ritirare i bagagli e prepararmi alla partenza anche se altre stazioni locali hanno sede in Rennes ma troppo lontane dal centro erano dislocate affinchè io potessi raggiungerle durante il mio breve soggiorno bretone.

Alle 13.40 col TER 54411, trenino regionale, partivo alle volta di Sant Malò ripetendo il viaggio già fatto nel 2005 per recarmi a Guernsey. Alle 14.28 l’ arrivo in Saint Malò, facevo una passeggiata fino alla stazione marittima ( una mezz’oretta di comoda camminata con anche una breve sosta in un Internet Point ) ) e alle 17.30, anche questa volta con naviglio Condor Ferries, partivo a destinazione di Jersey ove arrivavo alle 18.30 ora locale ( Jersey ha lo stesso fuso orario di Londra, quindi giungendoci dalla Francia si guadagna un’ora ) con 45 minuti di ritardo a causa di ignoti motivi. Che sia aumenta la viscosità dell’ acqua marina? Subito raggiungevo l’ hotel e dopo un’ abbuffata al suo ottimo ristorante, compivo una prima breve passeggiata alla scoperta di Sant Helier, il piccolo capoluogo dell’ isola.

 

La visita alle emittenti di Jersey veniva effettuata venerdi 4 giugno. Già alle 9, appena uscito dall’ hotel attraversavo la strada ed entravo a The Channel 103, la nuova emittente commerciale per l’isola di Jersey ove all’ ingresso della stessa riuscivo a farmi consegnare una ventina di nuovi adesivi. Raggiungevo poi il Museo di Jersey per una visita e per tirare alle 11, l’orario in cui avevo un appuntamento con Emma Thomson a BBC Radio Jersey, l’emittente locale della mitica B.B.C. – British Broadcasting Corporation attiva sull’onda media di 1026 KHz ( non sperateci, in Italia sui 1026 si ascoltano solo la spagnola Cadena SER e Kol Israel !!!!!!!!!!!! ). In poche parole: la solita sede locale della B.B.C. , vale a dire una sede con almeno tre studi per le dirette e le registrazioni dei programmi, uno staff giornalistico di almeno una quindicina di persone che, nel caso di Jersey, attivano anche un canale televisivo locale, B.B.C. Channel Island Television, un centro trasmissione che provvede non solo alla diffusione dei programmi locali ma anche quelli, sia radiofonici che televisivi, nazionali. Insomma l’ ennesima dimostrazione che la B.B.C. è e a lungo sarà la miglior emittente pubblica esistente al mondo! Gentilissima Emma che mi dedicava circa un ora del suo tempo, rubandolo al suo lavoro alla redazione notizie, e gentilissimo pure l’ addetto alla reception che pure mi omaggiava di nuovi adesivi e T-shirt dato che io avevo avuto la faccia di bronzo di presentarmi con una T-Shirt di B.B.C. Radio Guernsey ( la rivalità fra Guernsey e Jersey è pari a quella fra fiamminghi e valloni ). Mi congedavo da Emma con la certezza di aver vissuto un altro bellissimo momento della mia attività radiantistica. Grazie di tutto cuore, Emma. La parte radiofonica dell’intero viaggio era cosi terminata, non restava altro da fare che continuare con la parte turistica, visitavo infatti il Maritime Museum in Sant Helier, e poi in autobus mi spostavo al centro dell’ isola per una visita a Jersey War Tunnels, il sistema di fortificazioni costruito, con l’utilizzo di prigionieri di guerra sovietici, dalle forze germaniche durante la loro occupazione dell’ isola dal 1940 al 1945. Al termine rientravo a Sant Helier per godermi un po’ di sole sul lungomare. Una cena al Ristorante Bella Italia chiudeva anche questa terza giornata.

 

Il giorno successivo era quello del rientro in continente. Già alle 07.00 suonava la sveglia e dopo la colazione mi trasferivo al porto da dove, sempre con naviglio Condor Ferries, alle 09.00 partivo alla volta di Saint Malò ove arrivavo alle 12.35 ( questa volta un’ora la si perde ). Alle 12.50, dopo una corsa in taxi, la partenza per Rennes con il regionale Ter 54348 e alle 13.50 ero in Rennes da dove subito ripartivo alle 14.05 con il TGV 8730 per Parigi. Alle 16.30 ero alla Gare de Montparnasse, merendina e poi metrò per l’hotel, scelto come sempre fra Place de la Bastille e la Gare de Lyon. Posati i bagagli subito iniziavo il turismo parigino con una vasca sui Champs ed una cena a base di escargots sur l’ Ile. Eh si, Parigi è unica ed insuperabile!!!!

 

E anche domenica 6 giugno, l’ultimo giorno era arrivato. La sveglia suonava alle 8, i bagagli venivano lasciati in hotel e subito mi trasferivo alla Gare de Lyon per prendere la RER a destinazione de Rueil Malmaison ( nome noto a tutti gli appassionati di ascolto delle stazioni pirate in quanto ospita la casella postale dell’ emittente Radio Waves International ) per una visita al locale Castello, quello ove risiedeva Napoleone durante il matrimonio con la prima moglie, l’Imperatrice Giuseppina. Alle 12 iniziavo le operazioni di rientro: ancora RER fino alla Gare de Lyon, pranzo, una capatina in albergo per il ritiro bagagli e poi ancora Gare de Lyon per partire a destinazione di Vercelli, alle 15.24 con l’ EC 9249. Alle 20.55 ero in Torino Porta Susa da dove ripartivo alle 21.05 per essere in Vercelli alle 21.45. Anche questo viaggio era terminato ma la tristezza del momento era stemperata dal fatto che già il prossimo aprile risarò in Parigi per recarmi ad assistere alla prossima Parigi-Roubaix, la corsa ciclistica in linea più importante al mondo.

 

Il rendiconto finale:18 stazioni raggiunte in 10 differenti sedi, 64 adesivi di 15 differenti tipi di 9 differenti stazioni, 2 T-shirt, 1 biro, 1 portachiavi e 2 bottoms metal.

 

Roberto Pavanello

 

LE EMITTENTI VISITATE

 

Oui FM – 2 rue de la Roquette – 75011 Paris – FRANCIA

Web www.ouifm.fr

  1. Campus – 50 rue des Tournelles – 75003 Paris – FRANCIA

Web www.radiocampusparis.org

  1. Libertarie – 145 rue d’ Amelot – 75011 Paris – FRANCIA

Web http://rl.federation-anarchiste.org

Skyrock – 37 bis rue Greneta – 75002 Paris – FRANCIA

Web www.skyrock.com

Chante France – 37 bis rue Greneta – 75002 Paris – FRANCIA

Web www.chantefrance.com

NRJ – 22 Rue Boileau – 75203 Paris Cedex 16 – FRANCIA

Web www.nrj.fr

Cherie FM – 22 Rue Boileau – 75203 Paris Cedex 16 – FRANCIA

Web www.cheriefm.fr

  1. Nostalgie – 22 Rue Boileau – 75203 Paris Cedex 16 – FRANCIA

Web www.nostalgie.fr

Rire et Chansons – 22 Rue Boileau – 75203 Paris Cedex 16 – FRANCIA

Web www.rireetchansons.fr

Fun R. – 22 rue Bayard – 75008 Paris – FRANCIA

Web www.funradio.fr

RTL – 20 rue Bayard – 75008 Paris – FRANCIA

Web www.rtl.fr

RTL 2 – 20 rue Bayard – 75008 Paris – FRANCIA

Web www.rtl2.fr

  1. Nova – 33 rue de Faubourg Saint Antoine – 75011 Paris – FRANCIA

Web www.novaplanet.com

TSF – 33 rue de Faubourg Saint Antoine – 75011 Paris – FRANCIA

Web www.tsfjazz.fr e-mail tsf@tsfjazz.com

  1. Africa 1 – 33 rue de Faubourg Saint Antoine – 75011 Paris – FRANCIA

Web www.africa1.com

France Bleu Armorique – 14 av. Jean Janvier – 35031 Rennes Cedex – FRANCIA

Web http://sites.radiofrance/fr/chaines/france-bleu/?tag=armorique

e-mail bleuarmorique@radiofrance.com

  1. Rennes – 3 rue Beaumanoir – 95102 Rennes Cedex 3 – FRANCIA

Web www.radiorennesfree.fr e-mail radio.rennes@wanadoo.fr

Channel 103 – 6 Tunnell Str. – St. Helier – Jersey CI JE2 4LV – GRAN BRETAGNA

Web www.channel103.com e-mail info@channel103.com

B.B.C. R. Jersey – 18 Parade Road – St. Helier – Jersey CI JE2 3PL – GRAN BRETAGNA

 Web www.bbc.co.uk/jersey/ e-mail radio.jersey@bbc.co.uk

 

GLI HOTEL UTILIZZATI

 

Hotel Ibis – 15 rue de Chatillon – 35000 Rennes – FRANCIA

Tel. 0033223360136 Fax 0033223360137

Web www.ibishotel.com/Rennes

Apollo Hotel – St. Saviour’s Road – St. Helier – Jersey JE2 4GJ – GRAN BRETAGNA

Tel. 00441534725441 Fax 00441534722120

Web www.apollohotels.com e-mail reservations@huggler.com

Adriatic Hotel – 6bis rue de Lyon – 75012 Paris – FRANCIA

Tel. 0033143432872 Fax 0033143435672

Web www.adriatic-paris-hotel.com e-mail adriatic-hotel@wanadoo.fr

 

SITI WEB UTILIZZATI PER L’ ORGANIZZAZIONE DEL VIAGGIO

 

Per le prenotazioni alberghiere

 www.expedia.it

Per i biglietti ferroviari ed informazioni orari

 www.tgv-europe.com  www.sncf.com

Per mappe delle città visitate

 htpp://maps.google.it

Per elenco radio di Parigi e Rennes

 www.csa.fr

Per piantina metrò di Parigi

 www.parigiviaggi.it/Mappa%20Metropolitana.php

Per informazioni turistiche su Rennes

www.tourisme-rennes.com

Per orario e biglietti traghetti Sant Malò/Sant Helier/Sant Malò

 www.condorferries.co.uk

Per informazioni turistiche su Jersey

 www.jersey.com   www.jerseywartunnels.com

Per orari autobus di Jersey

 www.mybus.je

Per informazioni sul Castello della Malmaison

 www.musees-nationaux-napoleoniens.org/pages/page_id19075_u112.htm

16 - Edificio di BBC Radio Jersey 01 - Studio TSF Paris 02 - RPA e Etienne Geremia a TSF Paris 03 - France Bleu Armorique Rennes 04 - France Bleu Armorique Rennes 05 - France 3 Ouest Rennes 06 - France 3 Ouest Rennes 07 - Centro di Rennes 08 - Studio R. Rennes 09 - Panorama di Saint Malò 10 - RPA e Gabriel Aubert a Radio Rennes 11 - Logo Radio Rennes 12 - Chanel 103 Jersey 13 - Studio BBC Radio Jersey 14 - Studio BBC Radio Jersey 15 - RPA e Emma Thomson a BBC R. Jersey

Check Also

LRA 36 will be on air next Saturday repeating the 41th anniversary program

ANTARCTICA, 15476 USB, as reported on twitter Adrian Korol, RAE Director, LRA 36 will be …

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.