sabato 31 Ottobre 2020
Breaking News
Home > Tech > ANTENNA BEVERAGE (“BEATI VOI”)

ANTENNA BEVERAGE (“BEATI VOI”)

di Giovanni Lorenzi IT9TZZ

Il provocatorio titolo che ho dato a questo articolo riassume lo stato d’animo della maggior parte dei BCL e dei radioamatori, oppressi dalla mancanza di spazio sufficiente a sviluppare le idee, in fatto di antenne, che frullano per la testa. Quindi, beati voi se avete la possibilità di costruire l’antenna che vado a descrivere.

L’antenna Beverage prende il nome dal suo inventore Harold H. Beverage  che la brevettò nel 1921 con  Pat. USA 1,381,089.

L’antenna Beverage richiede l’installazione su un terreno pianeggiante, non importa se alberato, e naturalmente molto spazio. Perché essa sia efficace, è indispensabile che sia lunga non meno di 1,25 * λ laddove λ rappresenta la lunghezza d’onda del valore di centro gamma della frequenza sulla quale si intende farla operare. Nella tabella allegata sono riportati i valori di lunghezza dell’antenna per le bande broadcasting e radioamatoriali. Come si potrà dedurre, per costruire una Beverage operante in 160 m occorrono circa 200 metri di filo. Man mano che la frequenza sale, diminuiscono le dimensioni; tuttavia, anche nella banda dei 10 m, destinata al servizio d’amatore, la lunghezza appare proibitiva alla maggior parte dei radioppassionati.

I pregi di quest’antenna sono: la spiccata direttività  (Fig. 3) se essa viene terminata con una resistenza di valore equivalente all’impedenza caratteristica (≈ 500 Ω), un rapporto avanti/indietro di almeno 30 dB ed un buon rendimento segnale/rumore. Un difetto annoverabile è lo scarso guadagno rispetto ad un’antenna dipolo o verticale classica. Per tale motivo la Beverage è poco indicata in trasmissione mentre è ottima in ricezione in quanto la spiccata sensibilità dei ricevitori compensa lo scarso guadagno.

DIAGRAMMA BEVERAGE

L’uso della Beverage è più comune nelle bande basse. Il suo costo è ridotto al minimo. Realizzata un’antenna Beverage sui 160 m essa avrà un rendimento, cioè una spiccata direttività man mano che aumenta il rapporto tra la sua lunghezza e la lunghezza d’onda del segnale da ricevere.

La costruzione è facile (Fig 2): occorre una trecciola di rame (3) di 1,5 mm o 2 mm posta a circa 2 m dal terreno, opportunamente isolata con isolatori di porcellana, il tutto posto su sostegni (4) che potrebbero essere anche alberi. All’inizio e alla fine dell’antenna bisogna predisporre due scatole metalliche (2) per il collegamento alla terra, per proteggere la resistenza di terminazione che è formata da 6 resistenze da 4700 Ω in parallelo e per contenere l’eventuale balun di adattamento.

COSTRUZIONE BEVERAGE

Considerato che la stragrande maggioranza dei ricevitori moderni presenta, tra l’altro, anche una presa di antenna ad alta impedenza, non occorre realizzare un trasformatore d’impedenza tra il ricevitore e l’antenna. Se invece si usa il ricevitore del transceiver (1), occorrerà dotarsi del trasformatore di adattamento (BALUN) con rapporto 9:1, costituito da un toroide FT-50-77 sul quale si avvolgeranno 6 spire con filo smaltato da 0,35 mm di diametro per il primario (lato Beverage) e 2 spire dello stesso filo verso il TRX.

SCHEMA BEVERAGE

Alle due estremità dell’antenna occorre realizzare una rete (5) con 4 radiali di filo da 5 mm di diametro lunghi 5 m ed infissi nel terreno per circa 15 cm (Fig. 2).

L’antenna Beverage sarebbe bidirezionale ma con la resistenza di terminazione acquista una spiccata direzionalità (vedi diagramma in figura 3). Va da se che occorre disporla nella direzione preferita. L’antenna riceverà esclusivamente i segnali provenienti da quella direzione, senza interferenze e rumori quando con le altre antenne convenzionali non si ascolterebbe niente.

Insomma una grande antenna (in tutti i sensi).

GiovanniLorenzi

λ ( m ) RANGE FREQUENZA CENTRO GAMMA kHz LUNGHEZZA (1,25 * λ ) m IMPIEGHI BANDA
160 1.830 – 1.850 1.840 203,80 RADIOAMATORIALE
120 2.300 – 2.495 2.397 156,45 BROADCASTING
90 3.200 – 3.400 3.300 113,64 BROADCASTING
80 3.500 – 3.800 3.650 102,74 RADIOAMATORIALE
75 3.900 – 4.000 3.950 94,94 BROADCASTING
60 4.750 – 5.060 4.905 76,45 BROADCASTING
49 5.900 – 6.200 6.000 62,50 BROADCASTING
40 7.000 – 7.100 7.050 53,19 RADIOAMATORIALE
41 7.100 – 7.350 7.225 51,90 BROADCASTING
31 9.400 – 9.990 9.695 38,68 BROADCASTING
30 10.100 – 10.150 10.125 37,04 RADIOAMATORIALE
25 11.600 – 12.100 11.850 31,65 BROADCASTING
21 13.500 – 13.870 13.685 27,40 BROADCASTING
20 14.000 – 14.350 14.175 26,46 RADIOAMATORIALE
19 15.100 – 15.800 15.450 24,27 BROADCASTING
16 17.480 – 17.900 17.690 21,20 BROADCASTING
15 18.900 – 19.020 19.020 19,72 BROADCASTING
15 21.000-21450 21.225 17,67 RADIOAMATORIALE
13 21.450-21.750 21.600 17,36 BROADCASTING
12 25.600 – 26.100 25.850 14,51 BROADCASTING
11 26.100 – 27.500 26.800 13,99 CITIZEN BAND
10 28.000 – 29.700 28850 13,00 RADIOAMATORIALE

Check Also

Alcuni esperimenti con la SLP-30

Ho pensato di mettere a disposizione degli altri radioascoltatori alcuni appunti sulla SLP-30 che dopo …

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.